logo image

Sit-in per le case di Piazza Granatieri e contro gli sfratti – Mercoledì ore 10.30, viale Trento, Cagliari. Venite?

June 1st, 2014  |  Published in Cagliari, In evidenza, Politica  |  2 Comments

Download PDF

10330284_10204212547862667_6540961928357467314_n

 

Piazza Granatieri di Sardegna è una delle aree di ERP (Edilizia Residenziale Pubblica) più antiche di Cagliari. I palazzi hanno bisogno di una grande azione di riqualificazione.
Per questa ragione il Comune di Cagliari ha partecipato ad un bando della Regione per la sua riqualificazione. Il bando è stato vinto, ma ancora non è stata erogata l’anticipazione. Sono passati già due anni!
La riqualificazione dell’ERP deve essere una priorità!
Gli abitanti di piazza Granatieri ci hanno chiesto di organizzare un sit-in per chiedere alla regione perchè ancora non è stata erogata l’anticipazione, e che tempi ci sono, e se vogliamo concentrarci su un diritto primario: il diritto alla casa.
L’appuntamento è per mercoledì 4 giugno, alle ore 10.30, presso la sede della Regione Sardegna di viale Trento. Chiediamo a tutti coloro che sono interessati alle politiche per la casa di partecipare. E’ l’occasione per vederci e per capire come andare avanti.

In questi mesi ci avevano promesso il blocco degli sfratti, per avviare un ragionamento generale. Gli sfratti stanno però continuando, e non si vedono soluzioni. Parleremo anche di questo nell’incontro con le autorità che chiederemo mercoledì mattina, durante il sit-in, e soprattutto tra di noi.

 

 

Ieri sull’evento facebook un compagno ha riportato delle opinioni che circolano in una certa sinistra italiana. Riporto il virgolettato, per poi fare qualche osservazione:

Non parteciperò. Anzitutto perché lavoro. E poi personalmente, dopo una esperienza in un alloggio ERP, visti i MIRACOLI che si pretendono al Comune, e diversi altri elementi acquisiti, ho maturato la convinzione che la politica della casa così concepita sia di fatto un privilegio. Il lavoro è un diritto, la casa il risultato, conseguente a quel diritto, di chi ha avuto la capacità di fare dei sacrifici. Saluti”

“so anche che in molti molti molti casi, vuoi per costume, vuoi per regolamenti curiosi, non parliamo nè di bisognosi nè di svantaggiati”.

 

Piero ha molta ragione. Bisogna decidere se intervenire in un tema così complesso e contraddittorio, sporcandosi le mani, oppure se lasciare i 30.000 abitanti cagliaritani delle case popolari in mano all’antipolitica, al clientelismo ed alla destra. Io sono, quasi in solitudine, per intervenire.

La politica della casa è fatta di tanti interventi, per diversi strati sociali, e chi frequenta questo sito conosce le proposte che ho fatto. Sono sempre disposto, altresì, ad illustrarle.

La casa, secondo Piero, è un diritto conseguente al diritto al lavoro. Il dato di fatto è che gli iscritti al CSL di Cagliari sono circa 40.000. Poi ci dobbiamo aggiungere gli scoraggiati. Nel frattempo che, giustamente, lottiamo per il lavoro, vogliamo occuparci di un tema esplosivo come le politiche abitative?

E’ poi vero che ci sono gli imboscati, cioè quelli che approfittano della situazione per avere vantaggi indebiti. Ogni situazione, infatti, va esaminata singolarmente. A livello generale, invece, servono le politiche. Che ad oggi sono deboli.

A Cagliari la cosiddetta sinistra ha smesso di essere nei quartieri popolari. Vogliamo tornarci?

 

 

 

Download PDF Tags:

2 Comments

  1. Marco says:

    Solo una domanda: se l’articolo riguarda Piazza Granatieri a Cagliari, perchè mettere una foto di una delle zone più degradate diMilano??? Ignoranza e disinformazione, ecco come va avanti l’Italia oggi!!!

    • admin says:

      Caro Marco,
      abbiamo diverse volte fatto foto di piazza Granatieri. La foto che vedi è simbolica di aree popolari.

      E

Your Comments

Twitter

Follow @EnricoLobina on twitter.

Calendar

December 2017
M T W T F S S
27 28 29 30 1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31

Cerca articolo

Archives


Twitter

Follow @EnricoLobina on twitter.

You Tube

Whoops! There was an error retrieving the YouTube videos