logo image

Buon compleanno circolo Me-Ti! Venerdì, ore 18, via Mandrolisai 60

February 11th, 2016  |  Published in Cagliari, In evidenza

Download PDF

10400018_10152590426302857_122051458223295673_n

 

 

Buon compleanno circolo Me-Ti!

 

In una fase storica in cui politico è sinonimo di ladri, il circolo Me-Ti ha cominciato le sue attività. Siamo un circolo politico, che col documento che discuteremo domani fa un passo in avanti.

E’ passato un anno. Ufficialmente abbiamo cominciato il 23 febbraio. In realtà, già il 31 dicembre, per Capodanno, un’associazione amica ha organizzato una cena per senza fissa dimora e persone disagiate. In quel periodo, faceva freddo, raccoglievamo anche coperte e vestiti per chi ne aveva bisogno.

Me-Ti è uno spazio aperto, ed abbiamo ospitato decine di iniziative sociali e culturali, grandi e piccole. A fare il conto, a ricordarle tutte, ci si emoziona.

Abbiamo cominciato chiedendoci se il sindacato serve ancora, con dirigenti italiani e sardi della CGIL, e con partite IVA, precari, professionisti che hanno delineato un nuovo blocco sociale.

Ma abbiamo anche parlato di Kurdistan, di Kobane, di confederalismo democratico, abbiamo ospitato ed organizzato la trasferta in Sardegna di Fulvio Grimaldi, rinverdendo una bella tradizione.

Insieme a decine di articoli e volantinaggi, abbiamo sostenuto la scuola popolare di Is Mirrionis di poesia, ospitato cantadoris ed autori di libri.

Siamo stati al fianco di Syriza, sena farle sconti dopo i fatti di luglio, ed a fianco del Comitato Stop TTIP Casteddu, che abbiamo fondato. Insieme a tanti, abbiamo fatto nostra la battaglia contro le basi di morte e per nuove politiche abitative a Cagliari. Le donne e gli uomini che vivono il dramma della permanente precarietà abitativa sanno che possono contare su di noi.

Abbiamo avuto l’onore di partecipare, da protagonisti, alla festa nazionale (italiana) di Emergency a Cagliari, e di stare al fianco dell’ARC.

Col Consorzio Ittico Santa Gilla, erede del mondo della pesca, abbiamo una comune visione dello sviluppo dell’area, tanto che abbiamo organizzato insieme la Festa della Laguna.

Non continuiamo l’elenco, che potrebbe arrivare sino a Cagliari Città Capitale ed alla costruzione di un campo politico nuovo, alternativo al centrodestra ed al PD. Per gli aspetti politici, vi proponiamo il documento.

Un solo dispiacere: la politica dei partiti, quelli vicini e quelli meno, non la vediamo interessata a dialogare con noi. Noi si, e speriamo, in questo anno che si apre, di riannodare quei fili, e di ricollegarli ai tanti legami di massa, popolari ed intellettuali, che in questo bellissimo anno abbiamo costruito.

Buon compleanno circolo Me-Ti!

 

 

 

Il documento politico del circolo come base di discussione per l’assemblea
Il circolo politico Me-Ti propone all’attenzione dell’assemblea dei soci e dei simpatizzanti il seguente documento politico:
1) Come previsto dal suo statuto l’associazione politica Me-Ti è organizzata in circolo per promuovere e partecipare a iniziative di lotta, di solidarietà, di studio e di partecipazione che favoriscano la crescita e l’emancipazione individuale e collettiva dei sardi e in particolare delle classi subalterne del popolo sardo.

 

2) Per promuovere il suo scopo sociale il circolo ha scelto di aprire la propria sede nella periferia della città di Cagliari tra i quartieri di Is Mirrionis e S. Michele, luoghi dove i subalterni sono in maggioranza e dove i punti di aggregazione sociale e culturale sono troppo pochi.
Nonostante la consapevolezza di essere innanzitutto un circolo di quartiere e dunque di avere lo scopo primario di aumentare sempre di più il rapporto con gli abitanti del rione stesso, il circolo si è occupato e si occuperà anche di iniziative politiche che riguardino anche il resto della città, di iniziative su temi che abbiano rilevanza per tutta la Sardegna e in altri casi ancora di temi e questioni che abbiano rilevanza internazionale.

 

3) Conscio che le proprie capacità organizzative sono attualmente largamente inadeguate al fine di raggiungere o di creare condizioni utili al raggiungimento degli intenti di cui al punto n.1, il circolo da subito si è attivato e in futuro si attiverà per tessere relazioni di collaborazione e solidarietà con tutti i soggetti singoli e collettivi che si riconoscano nell’obiettivo prefissato allo stesso punto numero 1 di questo documento. La nostra iniziativa sarà tesa dunque a costruire e solidificare il telaio di rapporti politici e di lavorare il più possibile “a rete” e, quando ce ne saranno le condizioni politiche, a partecipare appieno, anche internamente, alla costruzione di una organizzazione politica unitaria e ampia che sia affine alla proprie lotta e ai propri princìpi.

 

4) Il circolo esprime un giudizio sostanzialmente negativo sulle politiche portate avanti in questi anni dall’amministrazione Zedda nell’affrontare la complessa situazione sociale in cui si trova la città di Cagliari. Decide di partecipare anche alla prossima competizione elettorale per le comunali e di stare dentro la coalizione denominata “Cagliari Città Capitale”. Il circolo Me-Ti ha una impostazione di massa nel modo di concepire l’azione politica. Le pratiche tipiche dell’antagonismo politico autorganizzato, pur rispettabilissime e talvolta utili a creare occasioni di conflitto sociale altrimenti assente, spesso non riescono a raggiungere il consenso ed il coinvolgimento delle grandi masse popolari. Quello delle elezioni comunali diventa, allora, un passaggio politico importante poiché, tramite le elezioni, si ha l’opportunità di entrare in contatto con un ampio numero di cittadini e tramite l’eventuale rappresentanza istituzionale si ha l’opportunità di toccare temi e di disporre di strumenti politici che, se ben utilizzati, possono riguardare e migliorare l’interesse di una fetta ampia della popolazione.
Tuttavia, pure qui occorre una precisazione: anche la politica istituzionale, se slegata da una reale partecipazione popolare e senza un raccordo con le dinamiche di movimento che stanno fuori dal palazzo, rischia di essere sterile o addirittura, come spesso accade, antiproducente e contraria al reale interesse popolare. Noi crediamo che la rappresentanza istituzionale possa avere un senso solo se collabora ad organizzare il dissenso che prima di tutto si manifesta fuori dal palazzo, diventandone un possibile terminale ricettivo di input e richieste, riuscendo a trasformare il dissenso in consenso. Ci apprestiamo ad affrontare questa tornata elettorale con l’obiettivo di svolgere questo ruolo di raccordo consapevoli che, a prescindere dall’esito delle prossime elezioni comunali, mai dovremo smettere di confrontarci dopo con le dinamiche di strada e di piazza.

 

5) In conclusione del primo punto facciamo riferimento all’emancipazione delle classi subalterne del popolo sardo. Questo non deve far pensare a una nostra concezione prettamente nazionalista e autarchica del popolo sardo. Siamo convinti che la Sardegna, la sua condizione storica, geografica e culturale abbia una peculiarità tale che comporti una specificità della sua natura e una conseguente specificità della lotta per la sua autodeterminazione. Siamo tuttavia convintamente internazionalisti e dunque sicuri che la nostra lotta debba andare di pari passo con quella di altri popoli vessati di tante nazioni senza stato e anche con i tanti subalterni di tante nazioni che invece Stati si son fatte da tempo.
6) Crediamo che la politica per essere efficace debba nutrirsi oltre di buoni contenuti e delle migliori intenzioni anche di buona organizzazione. Per questo, oltre che a rafforzare i rapporti e le collaborazioni esterne di cui si è parlato nei punti 4 e 5, puntiamo a rinforzare l’organizzazione interna del circolo aumentando il numero dei suoi iscritti lanciando una campagna di tesseramento che deve avere come conseguenza l’aumento della gamma, per numero e per qualità, di pratiche militanti concrete dell’associazione Me-Ti.

 

Download PDF Tags:

Your Comments

Twitter

Follow @EnricoLobina on twitter.

Calendar

October 2017
M T W T F S S
25 26 27 28 29 30 1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31 1 2 3 4 5

Cerca articolo

Archives


Twitter

Follow @EnricoLobina on twitter.

You Tube

Whoops! There was an error retrieving the YouTube videos