logo image

CINA 2008 – Studenti bussano alle porte del paradiso

March 31st, 2011  |  Published in Cina, Mondo

Download PDF

Per un fine settimana di ottobre Guomao, centro del quartiere degli affari di Pechino, è stato più trafficata del solito.

A Guomao si son date appuntamento, per la fiera internazionale dell’educazione superiore, le migliori Università del mondo. Con stand futuristici e decine di offerte lottano per una parte degli studenti cinesi. Quelli vogliosi di andare all’estero.

Ci sono anche i cinesi che vogliono rimanere nell’Impero di Mezzo. Sono la stragrande maggioranza. Per loro il regime sta organizzando un sistema dell’alta formazione che si apre al mercato (pagamento delle tasse, apertura a finanziamenti privati, creazione di università private) e che punta sull’internazionalizzazione (apertura alle università straniere, scambio di studenti e ricercatori e finanche gestione delle scuole e delle università cinese con partner stranieri). La Cina, inoltre, sta vivendo la massificazione dell’Università che l’Italia conobbe a fine sessanta e durante gli anni settanta.

Gli studenti che affollano gli stand della Fiera internazionale di Guomao sono decine di migliaia, forse centinaia di migliaia. Cercano informazioni, e possibilmente borse di studio. Immaginano vite dorate e da telefilm nei paesi occidentali di cui tanto, tra pubblicità, internet e televisione, hanno sentito parlare. Sognano una vita diversa. Sono anche disposti a pagare, a prosciugare anni di risparmi dei genitori. Per entrare in paradiso questo e altro.

L’università all’estero, infatti, è il lasciapassare per un futuro ricco e felice. Così pensano, e così è stato fino ad ora. La crisi economica mondiale porta con sé ancora più concorrenza, e perciò ancora più foga nella ricerca della qualità.

Gli studenti sfruttano l’abnegazione allo studio tipico dei paesi a cultura confuciana e l’immenso bisogno del mercato del lavoro cinese di personale altamente qualificato. Molti di loro, finiti gli studi, torneranno a Pechino, Shanghai e nelle altre città. A differenza di altri paesi poveri, infatti, la Cina ha capito che puntare sull’innovazione e la tecnologia è uno dei mezzi attraverso i quali mantenere alti tassi di crescita economica e sociale.

Le Università più importanti, alla ricerca di grandi incassi e grandi menti, sono tutte qua.

L’area dedicata agli USA è la più frequentata. Qua ci sono le Università più costose, ma anche quelle più all’avanguardia. L’interesse è reciproco: i cinesi hanno bisogno dell’alta formazione migliore al mondo, e le università statunitensi hanno bisogno di ricercatori stranieri all’altezza. I loro non bastano. Le università USA sono piene di ricercatori italiani e asiatici.

Poi Australia, Gran Bretagna, Giappone, Corea.

E dopo, solo dopo, l’Europa. Spagna, Francia, Olanda, Germania. Tutte presenti in forze. La zona italiana è riempita da una decina di Università e Istituti superiori. L’interesse cinese c’è, anche per l’apprendimento della lingua.

L’Università italiana potrebbe dire la sua. Ci sarebbe bisogno di soldi e di una politica universitaria capace di guardare lontano. Il contrario della riforma Gelmini, insomma. In questo modo, forse, i cinesi troverebbero il loro paradiso qua, in un paese europeo al centro del Mediterraneo.

pubblicato su http://www.unmondonuovo.it/news/index.php?option=com_content&view=article&id=174:cina-2008-studenti-bussano-alle-porte-del-paradiso&catid=65:archivio2009&Itemid=87

Download PDF Tags: , ,

Comments are closed.

Twitter

Follow @EnricoLobina on twitter.

April 2019
Monday Tuesday Wednesday Thursday Friday Saturday Sunday
1 April 2019 2 April 2019 3 April 2019 4 April 2019 5 April 2019 6 April 2019 7 April 2019
8 April 2019 9 April 2019 10 April 2019 11 April 2019 12 April 2019 13 April 2019 14 April 2019
15 April 2019 16 April 2019 17 April 2019 18 April 2019 19 April 2019 20 April 2019 21 April 2019
22 April 2019 23 April 2019 24 April 2019 25 April 2019 26 April 2019 27 April 2019 28 April 2019
29 April 2019 30 April 2019 1 May 2019 2 May 2019 3 May 2019 4 May 2019 5 May 2019

Cerca articolo

Archives


Twitter

Follow @EnricoLobina on twitter.

You Tube

Whoops! There was an error retrieving the YouTube videos