logo image

La questione sarda – Senso Comune

September 13th, 2017  |  Published in Politica

Download PDF

senso comune

 

 

 

La questione sarda

Queste breve riflessioni avrebbero bisogno di ben altre ore e giorni di lavoro. Gli impegni lavorativi, nonché la militanza sociale di base, mi impediscono di articolare un discorso approfondito e completo. Sono però felice dell’esistenza di Senso Comune, credo sia utile all’Italia, e forse anche alla Sardegna, e perciò intervengo nel vostro/nostro dibattito.

Stefano Poggi, sul sito di Senso Comune, ha già scritto sulle autonomie municipali, in contrapposizione all’autonomia regionale (http://www.senso-comune.it/stefano-poggi/patria-delle-autonomie-municipali/).
Da ultimo si è espresso invece su una posizione di Formenti riguardo la “giornata per la memoria delle vittime meridionali” http://www.senso-comune.it/stefano-poggi/perche-formenti-sbaglia-sulle-vittime-meridionali/, reo di aver sposato una retorica neo-borbonica.
Non ho letto il post di Formenti. Intervengo però sulla questione sarda, a partire da questi contributi, per provare a chiarire il tema ai lettori di Senso Comune.
La Sardegna ha una storia diversa rispetto ai territori che sono stati sotto il regno di Napoli e, quindi, sotto i Borbone. La Sardegna, in altri termini, ha una storia altra rispetto al Meridione. Lo sapeva Antonio Gramsci, ma tanti “meridionalisti” l’hanno dimenticato.

Da tempo sono convinto che per ragioni storiche di breve, medio e lungo periodo, sia necessario riscrivere il patto che i sardi hanno siglato con l’Italia nel 1948 con lo Statuto di autonomia, la legge costituzionale numero 3. Quello statuto, più arretrato riguardo allo statuto siciliano, ha fatto si che abbiamo conosciuto uno “sviluppo senza autonomia” a partire dagli anni cinquanta, che ha aggravato quel processo di “colonialismo interno” di cui scrive Poggi, nonché imposto un “modello di sviluppo” il quale poco aveva a che fare con la realtà produttiva e culturale sarda.
Oggi la Sardegna ha tassi di disoccupazione simili all’Andalusia ed alla Grecia. Oggi siamo 1.600.000, ma stiamo perdendo abitanti (la popolazione invecchia), e nel 2080, con questo trend, saremo 1.300.000. I richiedenti protezione internazionale, che vengono deportati a loro insaputa in Sardegna, fanno di tutto per scappare. Siamo un popolo in via di estinzione!

Per “colonialismo interno” si intende un processo cominciato, in modo graduale e diversificato, qualche decennio dopo che ai Savoia è toccata in sorte la Sardegna (1720), e che ha avuto un suo momento chiave, anche questo citato e studiato da Gramsci, con la guerra delle tariffe tra Francia ed Italia a fine ottocento, che ha visto la nascita in grande stile dell’industria del nord Italia e la fine, almeno per la Sardegna, della capacità di esportazione dei nostri prodotti e, a medio termine, la castrazione della borghesia sarda che si stava formando.
Colonialismo interno ha a che fare con le dinamiche economiche, sociali e culturali dei rapporti tra dominanti e dominati. Questi fenomeni, che afferiscono all’accumulazione originaria di capitale, sono similari in diverse parti del mondo, con specifiche assolutamente peculiari.
Per esempio, per il caso sardo, vi scrivo questo articolo in sardo ed in italiano, ma se nel 1950 per il 99% dei sardi la prima lingua era il sardo, oggi per il 99% dei nati in Sardegna la prima lingua è l’italiano. Ciò che non hanno fatto i catalani e gli spagnoli è riuscito agli italiani.

Riscrivere il rapporto con lo Stato italiano significa riprendere la strada dell’autogoverno (contrario all’eterodirezione), per rispondere a precise dinamiche economiche e sociali, che spesso hanno più origine a Bruxelles e Washington DC che a Roma. D’altra parte, l’Italia non è un paese “a sovranità limitata”?

Se si guarda all’Europa occidentale, ciò che succede in Catalogna, Scozia, Corsica, Irlanda, Paesi Baschi è “abdicazione ai movimenti regionalisti”?
Segnalo, inoltre, che questi movimenti assumono, in Europa occidentale, caratteri progressisti e si pongono in contrapposizione all’austerità ed alla sovranità di Bruxelles, seppur con connotati diversi.
Nel caso sardo, riprendere in mano la bandiera della sovranità significa mandare via la Nato, che in Sardegna ha i poligoni più grandi d’Europa, e ci dà più forza per spezzare un modello di sviluppo neo-liberista che ci accomuna a tutte le periferie d’Europa. Avremmo anche la possibilità di stabilire rapporti diversi col Mediterraneo.

Il nostro nemico politico numero 1 è Pigliaru, presidente della Regione Sardegna. Poi Gentiloni, la commissione europea e tutto il resto. Altro che “legittimazione politica delle élite locali”.
Il mio nemico è più l’intellettuale universitario ascaro che sta a Cagliari, che impara tante lingue straniere e non sa nulla della Sardegna, che l’intellettuale italiano.
Noi vogliamo costruire un discorso nazionale e popolare, però sardo, che opera in fratellanza e sorellanza coi popoli mediterranei ed europei. Siamo in Italia e non facciamo finta di non vederlo, per cui a Senso Comune chiediamo: cosa ne pensate? Siete dei nostri?

 

 

Sa chistioni sarda

Su chi scriu iat a tenni abisòngiu de oras e oras de stùdiu. Su traballu e s’atividadi sotziali e polìtica in su bixinau e in tzitadi funt perou barrancuns chi no mi permitint de scriri de manera prus funguda. Se prexau de Senso Comune, e bollu agiudai s’assòtziu a pigai unu tretu pretzisu po su chi pertocat sa chistioni sarda. Custa est s’arrexoni de s’articuleddu chi si intregu.

Apitzus de is “autonomias de bixinau e de sa tzitadi” at giai scritu Stefano Poggi, pone-ndi-ddas contras a sa “autonomia arregionali” (http://www.senso-comune.it/stefano-poggi/patria-delle-autonomie-municipali/).
Poggi at arrespustu puru a Carlo Formenti, candu issu at scritu apitzus de sa “giorronada po is chi si funt mortus in su Giossu” (http://www.senso-comune.it/stefano-poggi/perche-formenti-sbaglia-sulle-vittime-meridionali/), cun d-una retòrica “neo-borbonica”.
Su post de Formenti no dd’apu lìgiu. Scriu apitzus de sa chistioni sarda, movendi de su chi at scritu Poggi, po circai de acrarai sa cosa cun is ligidoris de Senso Comune.
Sa Sardìnnia tenit una stòria diferenti de cussa de is logus chi ant connotu s’arrènniu de Nàpoli, est a nai is chi fiant asuta de is Borbonis e, dunas, tenit una stòria atra de cussa de Italia de giossu. Ddu scidiat Antonio grmasci puru, perou medas studiosus e is giorronalis si-dd’ant scaresciu.

Andendi afatu de is arrexonis stòricas chi portant arrexinis curtzas e longas, seu cumbintu chi tocat a scriri torra s’acòrdiu chi is sardus ant pigau cun s’Ítalia in su 1948, cun su Stadudu de Autonòmia, sa lei costitutzionali 3. Su Stadudu, chi est prus dèbili de su de sa Sitzìlia, at portau a unu “svilupu chena de autonòmia”, chi at amanniau su chi Poggi tzerriat su “colonialismu de aintru”. Ant puru portau ainnantis unu “modellu de svilupu” chi no fiat su chi serbiat a sa realidadi e a sa curtura sarda.
Oindii sa Sardìnnia tenit unu nùmeru de disimpreaus agiumai aguali a cussu de s’Andalusia e de sa Grècia. Oi seus 1.600.000 personis, perou seus perdendi bividoris (sa genti imbèciat) e in su 2080 eus a essi 1.300.000. Is nieddus chi benint a innoi (chena de ddu sciri chi funt arribendi a Sardìnnia), no bint s’ora de si-ndi fuiri. Seus unu pòpulu chi est sparessendi-si-nci.

Su “colonialismu de aintru” est unu protzessu incumentzau, de manera lèbia a s’inghitzu, calincunu annu apustis ca is Savoia ant arriciu sa Sardìnnia (1720). Sa gherra aintru de s’Itàlia e sa Frantzia po is tarifas, a s’acabu de s’otuxentu, chi at permìtiu su svilupu mannu de is fàbricas de su cabu de susu de s’Ítàlia, at portau a s’acabu de sa possibilidadi de bendi aforas is produsiduras sardas. De custa manera, e Gramsci dd’at scritu, ant bociu a sa burghesia sarda chi fiat nascendi, po fai ammanniai sa de cabu de susu.
“Colonialismu de aintru” bolit nai a traballai cun su chi sutzedit in d-unu logu no sceti po su chi pertocat s’econòmia: ddoi at puru sa sotziedadi e sa curtura, chi bivit de is arrelatas aintru de su chi cumandat e su chi est cumandau. S’Italia at connotu un processu de “accumulazione originaria di capitale”, chi assimbillat a medas atrus de medas logus de su mundu, perou cun d-unu tretu originali.
Po essempru, po su chi pertocat sa Sardìnnia, deu bosi seu scriendi custu artìculu in sardu e in italianu, ma chi in su 1950 po su 99% de is sardus sa lìngua mama fiat su sardu, oi po su 99% de is sardus sa lìngua mama est s’atalianu. Su chi funt arrennèscius a fai is cadelanus e is spanniolus dd’ant fatu is italianus!

Tocat a scriri torra s’arrelata cu su stadu italianu po inghitzai su tretu de su guvernu de sei (a su contràriu de tenni meri allenus). Aici fait a arrespundi a is fenòmenus econòmicus e sotzialis, chi fatu-fatu nascint in Bruxelles e Washington DC, nimancu in Arroma. S’Italia puru no est unu stadu “a soberania segada”?

Chi castiaus a s’Europa de ponenti, a su chi sutzedit in Catalùnnia, Scòtzia, Còssiga, Irlanda e Euskadi, seus fueddendi de “abidcazione ai movimenti regionalisti”?
Tocat a sciri puru chi is movimentus chi eus arremonau tenint programas de adelantamentu sotziali e funt contras a s’austeridadi e sa manera de cumandai de Bruxelles.
Po su chi pertocat sa Sardìnnia, a pigai sa bandera de sa soberania bolit nai a nci bogai a sa Nato, chi in Sardìnnia tenit is prus basis mannas de s’Europa, e a ndi sciusciau su trassa neoliberista chi ponit apari, po mala sorti, totu is periferias de Europa. Bolit nai puru a fraigai arrelatas diferentis in su Mediterràneu mari.

S’enemigu nùmeru 1 cosa nosta est Pigliaru, su presidenti de sa regioni Sardìnnia. Pustis benit Gentiloni, sa Comissioni europea e totus is atrus. Est a nai su contràriu de sa “legittimazione politica delle élite locali”.
Su prus enemigu mannu est su professori de s’universidadi de Casteddu chi est prus italianu de is italianus, chi scit is lìnguas stràngias e nimancu unu fueddu in sardu, comenti a s’intelletuali italianu.
Nosu boleus fraigai un’arrexonu natzionali e populari, ma in sardu, chi traballat cun amigàntzia cun totus is pòpulus de su Mediterràneu mari. Seus in Itàlia e no depeus fai finta de no nci essi. Piciocas e piciocus de Senso Comune, ita ndi pensais? Seis impari a nosatrus?

 

Download PDF Tags:

Your Comments

Twitter

Follow @EnricoLobina on twitter.

Calendar

November 2017
M T W T F S S
30 31 1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 1 2 3

Cerca articolo

Archives


Twitter

Follow @EnricoLobina on twitter.

You Tube

Whoops! There was an error retrieving the YouTube videos