logo image

Notas apitzus de sa messarìtzia, sa pastoria e su stadu de traballu in s’Assessorau de sa Messarìtzia

August 20th, 2017  |  Published in In evidenza, Politica, Sardegna

Download PDF

240_f_96907193_fmznay4vo3o5uxjuwd1jxuaaxuu8abaf

 

 

 

 

Notas apitzus de sa messarìtzia, sa pastoria e su stadu de traballu in s’Assessoradu de sa messarìtzia

 

Sa Coldiretti Sardìnnia est sa prus truma manna chi defendit is messajus. In custas diis de mesu austu at fatu sciri ca su 5 de cabudanni ant a calai a Casteddu po una manifestada, chi no at a essi una passillada. Funt inchietus cun chini no at mantènniu is promissas.

Su Movimento Pastori Sardi (MPS) una manifestada t’at giai fata su 2 de austu. Est stètia trancuilla meda, e a s’acabu ant puru fatu artziai a cascioni, in bia Roma, su presidenti de sa Règioni Sardìnnia, Francesco Pigliaru. Su MPS po imoi s’est frimmau, e at lassau tempus a Pigliaru fintzas a su 25 de austu, po mantenni is promissas fatas su 2.

 

Sa vida, in is tzitadis e in su sartu, est dònnia dii prus grai. Coldiretti e MPS ddu scint, e bolint guvernai e ghiai s’arrennegu.

 

A is messajus e a is pastoris, e a Coldiretti e MPS puru, emu a nai chi sa dificultadi est unu prus “de sistema” faci a sa possibilidadi de arriciri unu pagu de dinai po ndi scabulli s’annu 2017.

Imparis cun su dinai po su 2017, tocat a arrogai is leis de bilanciu de s’Istadu e de s’Unioni Europea. Pruschetotu, tocat a tenni una bisura po totus is messarìtzias e is pastorias, de oi finsas a su 2040.

Su mundu at a cambiai meda, e nosu oindii etotu seus agoa.

 

Perou si iscriu po un’atra cosa.

 

Is massajus e is pastoris, sa Coldiretti e su MPS, depint sciri ca seus prus de un’annu gherrendi, comenti traballadoris de s’Assessorau de s’Agricoltura, poita no si praxit comenti traballaus. No est profetosu ni po is traballadoris de su sartu ni po nosu etotu. In italianu ddi nant “benessere organizzativo”. Nosu biveus, a s’imbressi, su “malessere organizzativo” de s’Assessorau e, a s’acabu, de totu su sistema pùblicu chi traballat cun messajus e pastoris.

 

Eus fatu atòbius de sindacau, atòbius cun is traballadoris, stùdius, documentus, atòbius cun su dirigidori generali de s’Assessorau, e atrus puru. Scieus ca de su traballu bonu de s’Assessorau ndi at a benni, in d-una parti manna, su benidori de messajus e pastoris.

 

Deu traballu in s’Assessorau e incapitat, fatu-fatu, mancai bivat in tzitadi, de atobiai e fueddai cun messajus, pastoris e piscadoris. Sciu cantu si fueddat mali de sa “burocrazia regionale”. A issus, a is organizatzionis cosa insoru, bollu nai ca no seus totu ogualis, in perunu logu.

Nosu teneus una bisura generali. Seus prontus, po su chi pertocat a mei, a presentai is chi funt is problemas de sa “burocrazia regionale”, a nosi ascurtai e cumprendi a pari comenti podeus agatai sa  mellus manera de amellorai. Seus fradis e sorris e scieus ita est sa solidariedadi.

 

Is traballadoris pùblicus in Sardìnnia funt 110.000. De issus dipendit una parti manna de su benidori de sa terra nosta.

 

 

Appunti sull’agricoltura, la pastorizia ed il benessere organizzativo dell’Assessorato dell’Agricoltura

 

In questi giorni ferragostani la Coldiretti Sardegna, l’organizzazione più rappresentativa del mondo agricolo, ha dichiarato una grande manifestazione, non pacifica, per il 5 settembre a Cagliari, contro le politiche della giunta per il settore.

Il Movimento Pastori Sardi (MPS), dopo la manifestazione del 2 agosto, pacifica ed accondiscendente al punto di far salire il presidente Pigliaru sul loro camion al termine di un incontro “risolutivo”, ha bloccato ogni protesta sino al 25 agosto, in attesa che si realizzino le promesse del 2 agosto.

 

La situazione sociale, nelle città come nelle campagne, è esplosiva.

 

Agli agricoltori ed ai pastori, nonché a Coldiretti e Movimento Pastori Sardi, suggerisco che il problema è un tantino più “strutturale” rispetto alla possibilità che si cominci a risolverlo con le misure indicate dalla giunta.

Insieme ad interventi contingenti, forti, che sfondino le gabbie del bilancio imposto dallo Stato e dall’Unione Europea, serve una strategia che guardi a tutte le “agricolture” e “pastorizie” da oggi al 2040.

Il mondo cambierà moltissimo, e noi e siamo indietro anche rispetto a quello attuale.

 

Ma questo contributo serve ad altro.

 

Gli agricoltori ed i pastori, la Coldiretti ed l’MPS, devono sapere che da un anno e più diversi lavoratrici e lavoratori dell’Assessorato, in alcuni casi in modo estremamente numeroso, stanno denunciando il potente, grave, letale malessere organizzativo dell’Assessorato dell’Agricoltura. Questo equivale a dire l’intero sistema dell’Agricoltura in Sardegna.

 

Abbiamo fatto assemblee dei lavoratori, documenti, studi, incontri col direttore generale ed anche altro per risolvere un profondo malessere e disagio che tocca i lavoratori della direzione dell’Agricoltura. Quelle lavoratrici e lavoratori sanno che da loro dipende, in misura non piccola, il futuro di un comparto strategico per la Sardegna.

 

Io lavoro in Assessorato. Ma frequento le campagne, i pastori e gli agricoltori, nonostante abiti in città. So quanto ci si lamenta della burocrazia regionale. A loro, ed alle organizzazioni, vorrei direi che non siamo tutti uguali, che c’è chi ha una visione generale. Siamo pronti, per quanto ci riguarda, a presentare le problematiche dell’amministrazione regionale, dal nostro punto di vista, ad ascoltare e capire insieme come uscirne, partendo da uno spirito di solidarietà e fratellanza.

 

I lavoratori pubblici in Sardegna sono 110.000. Il futuro della Sardegna dipende, in larga misura, da loro.

 

 

 

Download PDF Tags:

Your Comments

Twitter

Follow @EnricoLobina on twitter.

Calendar

November 2017
M T W T F S S
30 31 1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 1 2 3

Cerca articolo

Archives


Twitter

Follow @EnricoLobina on twitter.

You Tube

Whoops! There was an error retrieving the YouTube videos